Vernice intumescente

Si definiscono vernici intumescenti quei prodotti a base di acqua che, grazie a una particolare reazione chimica e in presenza di alte temperature, sviluppano una schiuma resistente al fuoco.

La pellicola di vernice, originariamente dello spessore di pochi millimetri, si gonfia aumentando fino a cento volte il proprio volume, formando delle vere e proprie bolle di schiuma compatte e resistenti al fuoco.


Applicazione?

A spruzzo e in alcuni casi anche a rullo o pennello.


Dove possono essere impiegate?

Nel rivestimento di pilastri, travi e strutture portanti in materiali quali il cemento armato, il legno e l’acciaio.


Pro?

La facilità di applicazione e il suo peso ridotto rendono questo sistema un’ottima soluzione protettiva.
L’effetto estetico delle strutture è mantenuto e l’impatto su elementi architettonici è minimo.

Le pitture intumescenti influiscono positivamente sui tempi di resistenza delle strutture, sono facili da applicare e da ripristinare in un secondo momento.


Contro?

Di contro queste vernici difficilmente ottengono classi di resistenza superiori ai 90 minuti e l’impiego di dosi eccessive di rivestimento, o la stesura non omogenea su tutta la superficie, possono rendere inefficace la protezione, creando fenditure e screpolature (scarso controllo dimensionale e quantità di utilizzo).

 

> Sistemi protettivi a confronto: le lastre antincendio

> Sistemi protettivi a confronto: gli intonaci protettivi antincendio

<< Torna ai Sistemi protettivi antincendio

 

Vernice intumescenteIntonaco antincendio
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi